Vergogna Roma, ospedali al collasso: malati senza cure e pazienti covid mandati a casa

2 mesi fa
25 Novembre 2020
di redazione

Ospedali stracolmi a Roma. 50 malati oncologici hanno dovuto rimandare i cicli chemioterapici dopo l’allarme scattato per un focolaio annidatosi tra il personale del pronto soccorso.

Massima attenzione, dunque, all’Umberto I anche nel reparto di Oncologia. Dove un infermiere è risultato positivo.

Tutti i colleghi sono stati messi in isolamento fiduciario, che dovrebbe terminare oggi.

Sospensione delle cure per i malati oncologici

Come riportato da Il Messaggero, il focolaio scoppiato all’Umberto I ha provocato una sospensione temporanea delle cure per 50 pazienti oncologici. Garantiti, i cicli chemioterapici per i pazienti più gravi.

Una situazione che riguarda non solo l’Umberto I, ma anche molti altri ospedali della Capitale, che hanno chiuso interi reparti per creare posti letto per i malati Covid.

Ospedali al collasso

Dall’ospedale Grassi al San Camillo e al Sandro Pertini si assiste a un collasso delle strutture ospedaliere, sovraccariche in questa seconda ondata della pandemia.

Per alleggerire la pressione sia sulle strutture ospedaliere sia sulle ambulanze, sono stati allestiti prefabbricati e strutture mobili negli spiazzali fuori dagli ospedali.  Prefabbricati spesso utilizzati per separare i pazienti covid da quelli con altre patologie, garantendo così ingressi contingentati.

Inoltre, la Regione Lazio e lo Spallanzani hanno dato vita al progetto “10×10”, una nuova assistenza domiciliare telematica per i malati covid.

I pazienti potranno misurare l’ossigenazione nel sangue e mandare un alert tramite app al medico di base, che monitorerà i parametri vitali del paziente e potrà, eventualmente, predisporre un ricovero.

’10 per 10’, questo il nome dell’iniziativa, che prevede la possibilità per i pazienti Covid 19 in isolamento domiciliare di essere curati e assistiti direttamente a casa. Ma grazie alla tecnologia.

Tutto questo sarà possibile grazie alla piattaforma MyHospitalHub PRO, attraverso al quale dieci medici di medicina generale seguiranno a distanza cento pazienti e i loro familiari.

Malati Covid che potranno beneficiare di un’assistenza completa e in totale sicurezza.

Il tutto sarà gestito ed organizzato dall’INMI Lazzaro Spallanzani che guiderà i 10 medici selezionati per l’iniziativa.

Assistenza telematica per i malati covid in isolamento domiciliare

I pazienti saranno seguiti in via telematica grazie alla piattaforma di telemonitoraggio, e saranno prontamente assistiti ogni volta che il medico rileverà determinate soglie critiche.
Leggi anche Roma, al via nuova assistenza per i malati Covid: come funziona e chi può accederci
Metti like alla pagina 42esimoparallelo e iscriviti al gruppo 42esimoparallelo